Il progetto “Nati per soffriggere” a Il Gusto del Natale dall’8 all’11 dicembre a Torino

banner

La seconda edizione de “Il Gusto del Natale” l’iniziativa promossa dalla Cooperativa Animazione Valdocco e Chef Kumalè, in collaborazione con Fondazione Torino Musei, avrà luogo dall’8 all’11 dicembre, dalle ore 10.00 alle 19.00, nella suggestiva cornice del Borgo Medievale di Torino: un ricco percorso espositivo ad ingresso libero e gratuito, con decine di maestri, artigiani, cooperative sociali e botteghe, ciascuno con le proprie creazioni e squisitezze oltre a un fitto cartellone di appuntamenti a tema natalizio.

natipersoffriggere

Il Gusto del Natale è un percorso alla riscoperta dei valori più autentici delle nostre tradizioni regionali e di quelle del mondo che abbiamo in casa, ma anche un’occasione per scoprire le ricette della tradizione natalizia italiana e del mondo con un’attenzione particolare ai temi dell’integrazione e dell’accoglienza. Il programma dell’iniziativa prevede infatti quattro appuntamenti con gli showcooking guidati da Chef Kumalé e dai suoi ospiti, i protagonisti del progetto “Nati per Soffriggere”, che mira a valorizzare le competenze culinarie di migranti e cittadini stranieri richiedenti protezione internazionale, utilizzando la cucina multietnica come elemento d’integrazione sociale e di stimolo culturale. Ai fornelli si alterneranno infatti quattro ospiti dei centri di accoglienza gestiti dalla Cooperativa Pietra Alta del Consorzio La Valdocco, sono persone provenienti da Paesi lontani: India, Afghanistan, Ghana e Nigeria che sveleranno in esclusiva per voi i segreti delle loro ricette tradizionali, ma che porteranno anche una testimonianza di grande valore umano della loro esperienza.

Il Progetto #NatiPerSoffriggere, ideato dal giornalista Vittorio Castellani alias Chef Kumalé, e realizzato in collaborazione con la Cooperativa Animazione Valdocco a Torino e le Cooperativa Il Biscione e La Comunità a Genova, coinvolge gruppi di ospiti dei servizi di accoglienza e assistenza delle nostre città, riservati ai cittadini stranieri richiedenti asilo e protezione internazionale. #NatiPerSoffriggere rappresenta al tempo stesso una palestra linguistica e di abilità sociali, un osservatorio sui temi del rapporto alimentazione-salute, un laboratorio sull’intercultura a tavola, organizza attività formative propedeutiche all’inserimento lavorativo, ma anche attività culturali all’insegna dell’edutaiment per la comunità in occasione di manifestazioni, iniziative ed eventi o rivolte agli addetti ai lavori (educatori-insegnanti) organizzando cooking class, cooking show e serate gastronomiche social a tema, cucinate dagli ospiti dei centri di accoglienza o in strutture e/o eventi esterni e aperti al pubblico. E poiché la strada si fa camminando, all’orizzonte del Progetto #NatiPerSoffriggere si intravedono obiettivi ambiziosi: l’apertura di un FoodLab di Refugee food, l’allestimento di un Food Truck itinerante per servire il più autentico street food, la redazione di libri e video ricettari, il gemellaggio con altri progetti simili in Europa.
Qui di seguito il programma degli showcooking, che per l’occasione vedranno la presenza di ospiti di eccellenza:

Giovedì 8 dicembre:

17h30 Sala Ozegna | cooking show con i cuochi di #NatiPerSoffriggere Fried Rice: il riso saltato delle feste by Happiness Ehizokhale (Nigeria) Special guest: Luciana Littizzetto

Venerdì 9 dicembre:

17h00 Sala Ozegna | cooking show con i cuochi di #NatiPerSoffriggere Biryani: riso basmati saltato al curry e frutta secca by Navjot Kaur (Punjab-India) Special guest: Luca Morino dei Mau Mau

Sabato 10 dicembre:

17h00 Sala Ozegna | cooking show con i cuochi di #NatiPerSoffriggere Thiadouran: stufato in salsa di arachidi by Sulayman Cessay (Ghana) Special guest: Monica Cerutti Assessore alle Politiche giovanili e pari opportunità Giancarlo Gonella Presidente Legacoop Piemonte

Domenica 11 dicembre:

17h00 Sala Ozegna | cooking show con i cuochi #NatiPerSoffriggere Ghabeli polo: il piatto ricco delle feste by Zahara Nabizade (Afghanistan) Special guest: Sergio Durando Direttore Ufficio Pastorale Migranti Diocesi di Torino.

Non solo verde! Il Bettolino presenta la carta dei servizi

Venerdì 18 novembre la cooperativa sociale Il Bettolino ha organizzato un incontro rivolto a famiglie, istituzioni e stakeholders per presentare l’insieme dei servizi offerti.

La cooperativa, istituita nel 1989, è ormai diventata un punto di riferimento per tutta la bassa reggiana. Conosciuta principalmente per la produzione di basilico biologico e per l’ormai famoso pesto alla genovese, il Bettolino ha approfittato dell’incontro per descrivere gli altri suoi punti di forza: dalla serra ai lavori pubblici, alla parte dedicata ai servizi alla persona, con una serie di laboratori dedicati agli utenti svantaggiati.

Al seguente Link l’intervento della presidente Francesca Benelli.

LA LEGGENDA DI DORANDO PIETRI CON GLI OCCHI DELLA COOPERAZIONE SOCIALE

Il mito dell’atleta correggese (e carpigiano d’adozione) Dorando Pietri, passato alla storia per aver tagliato per primo il traguardo della maratona dei giochi olimpici di Londra del 1908 e, subito dopo, squalificato perché sorretto dai giudici di gara che l’avevano soccorso dopo averlo visto barcollare più volte, stremato dalla fatica; ritorna nel 2016, proprio a Reggio Emilia, grazie ad un cortometraggio realizzato dalla cooperativa sociale “Il Ponte” di Brescia, e che sarà presentato al Camelot Bistrot di Pratofontana venerdì 18 novembre.

“L’importante è perdere”, questo il nome del cortometraggio realizzato nella primavera di quest’anno, è reduce dalla vittoria del premio speciale della giuria alla decima edizione del Festival del Cinema Nuovo di Gorgonzola, una kermesse di carattere europeo volta a promuovere un cinema realizzato con attori disabili, per risaltarne le capacità e favorirne l’inclusione sociale, e che vede nella giuria personaggi di spicco come Pupi Avati.

pietri1

Il film ha suscitato l’interesse di Officina Eventi, il brand del Consorzio Cooperative sociali Quarantacinque che organizza eventi di ogni genere attraverso il lavoro congiunto delle cooperative sociali, tanto da voler portare il cortometraggio nella terra che ha dato i natali al corridore, nello stile proprio del Quarantacinque: la messa in rete di più cooperative sociali; organizzando così la visione del film e l’incontro con il cast, (accompagnato dagli educatori), il regista, il direttore della fotografia e gli addetti ai lavori, nella suggestiva cornice che ospita il  bistrot gestito dalla cooperativa sociale Camelot.

L’appuntamento è quindi il 18 novembre, alle ore 19:00 in via Don Pietro Leuratti, a Pratofontana di Reggio Emilia, ingresso gratuito. Sarà offerto un piccolo buffet ai partecipanti e dopo, per chi vuole, sarà possibile cenare con menù fisso della cucina tipica Reggiana (bis di tortelli, gnocco, tigelle con salumi, acqua, prosecco, lambrusco e caffè) al costo di 20 euro.

È gradita la prenotazione a comunicazione@quarantacinque.it

 

Maria Vulcano

SISMA 24 AGOSTO, RACCOLTI 1110 EURO

 

2

Una serata all’insegna della solidarietà, quella di mercoledì 5 ottobre, per il Consorzio Quarantacinque ed alcune sue associate, che si sono riunite presso il bistrot gestito dalla Cooperativa Sociale Camelot per dare il proprio sostegno alle zone colpite dal terremoto il 24 agosto scorso.

La cena a base di amatriciana, accompagnata da antipasti, dolci vini, è stata interamente offerta da Camelot, così come volontaria è stata la manodopera.

L’evento, organizzato dal Quarantacinque, ha raccolto oltre 60 persone, per la maggior parte provenienti dal mondo della cooperazione sociale reggiana; alla serata, infatti, hanno partecipato Coopselios, Stradello, Zora, Mouse, Il Podere, Augeo, L’Orto Botanico e il Consorzio Care Expert, oltre che rappresentanti di Legacoop Emilia Ovest e singole persone che hanno tenuto ad essere presenti.

“Cercare di essere utili”, dicono dal Consorzio, “è stato il nostro primo pensiero non appena abbiamo saputo del sisma, così ci siamo immediatamente attivati, aggiungendo un’iniziativa alle tante che già stanno organizzando in tutta Italia. Non avevamo dubbi sulla sentita partecipazione da parte delle nostre associate, che, in maniera diversa, toccano quotidianamente realtà che vedono al centro persone più deboli”.

Il ricavato della serata, corrispondente alla somma di 1110 € è stato interamente  devoluto alla sezione reggiana della Croce Rossa Italiana che, ricordiamo, è possibile aiutare anche attraverso una donazione all’iban IT56O0538766340000002183000 Causale: “Destinati ai progetti Sisma Centro Italia”.

Maria Vulcano

 

il-bettolino

Il Bettolino in movimento

La cooperativa sociale “Il Bettolino” vi aspetta venerdì 18 novembre, dalle 10:00 alle 12:00, per presentare la nuova carta dei servizi.

L’appuntamento è in via San Venerio 90/A a Reggiolo, al termine della presentazione sarà offerto un piccolo buffet.